LED Boost converter (aka “Joule Thief”) analysis

In the past I already tested a nice boost circuit that allows us to power a 3 V LED with a discharged battery (around 1 V or less). This circuit uses just one transistor, one resistor and a small transformer (1:1 ratio) and it is better known, at least on the internet, under the name of “Joule Thief”.

The theory behind this circuit seems to be obscure as we can find lot of comments and questions like: “can I add turns ?”, “can I increase the resistor ?”, “will it work with two batteries ?” and so on…

I decided to figure out the working mechanism of this smart circuit in order to understand the rules behind it and try to improve the efficiency. I’ll carry out a theoretical analysis, supported by some scope screen-shots.

Continue reading

Advertisements

Noise Flash Trigger

Mi sono cimentato nella costruzione di un flash attivato dal rumore.
Questo aggeggio mi permette di scattare alcune foto “ad alta velocità”, come pomodori sventrati da proiettili o lampadine al momento della rottura al suolo.

high speed photo
Penne in caduta.

Ecco la realizzazione tecnica…

Continue reading

POV con BS2

ossia come sfruttare la “persistenza della visione” per scrivere qualcosa in aria tramite una Parallax BasicStamp2.

La persistenza della visione (persistence of vision) ci illude che un film non sia composto da fotogrammi.

In base allo stesso principio sono nati dei dispositivi elettronici che permettono di vedere delle lettere, dove in realtà ci sono solo dei LED accesi a veloce (ma non casuale) intermittenza.

Mi sono cimentato nella costruzione di uno di questi aggeggi. Ecco come…

Continue reading

Idee per un Albero di Natale più sostenibile

albero04.jpg

Un albero di Natale non sintetico è sicuramente un piacere dei sensi. L’odore della resina, la corteccia ruvida e gli aghi pungenti. Non è però sempre facile procurarsene uno…

Nel passato a casa mia si è sempre addobbato un albero ben piantato nel terreno. Come è immaginabile ora questa pianta è cresciuta e non è più cosa da poco contornarlo di lampadine.

Si decise dunque di acquistare uno dei “classici alberelli” in vendita fuori da un supermercato. Una volta arrivati a casa abbiamo però constatammo la pessima condizione delle radici, che non gli permisero di sopravvivere per molto tempo. Praticamente un altro essere vivente sacrificato al consumismo natalizio.

Da un po’ di anni abbiamo così adottato una diversa politica riguardo gli alberi natalizi 😀
Mio padre ha inventato l’albero che si costruisce !
La soluzione finale per avere un albero simil-vero a basso impatto.

Siamo partiti da un palo di 1.5 metri di sezione quadrata.
Abbiamo praticato 5 fori per ogni lato, distanziati ognuno di circa 20 cm più un foro sopra per la punta. Un totale di 21 fori dal diametro di circa 9/10mm.

albero01.jpg albero02.jpg

La potatura di un albero più grande ci ha fornito la materia prima per il passo successivo, ossia dei pezzi di rami.

albero03.jpg

Con l’aiuto di una forbice e un coltello abbiamo preparato e successivamente innestato i 21 rami artificiali nel palo precedentemente preparato.
Il risultato ottenuto è davvero ottimo (vedi la prima foto).
Pochi si accorgono che è un falso. Solo uno sguardo ravvicinato rivela il trucco. (colorare di marrone il palo lo renderebbe ancora più “normale”)

Sono anni che usiamo questa tecnica per il nostro albero natalizio esterno.
Ci sono notevolissimi vantaggi che ora elenco:
no terra La mancanza della terra riduce i problemi. Noi abbiamo dunque potuto sistemarlo direttamente sulla ringhiera del terrazzo con del fil di ferro.
autenticità Sicuramente più “vivo” e “reale” di qualsiasi albero sintetico.
personalizzazione Se c’è un ramo più corto o la forma generale non vi piace potete sempre modificarla (mantenendo la possibilità di tornare indietro). Altro che motosega…
risparmio economico Non si compra un albero dal destino segnato.
risparmio ecologico Semina, mesi di irrigazione, trasporto… per un albero che deve durare solo per le feste ? Decisamente uno spreco.

Finite le feste si smonta l’albero, si buttano i rami e si tiene il palo per l’anno prossimo.
Buon natale !